Tutto è iniziato così…

Sono davvero emozionata nello scrivere questo primo articolo e , se rivedo la foto qui sopra , lo sono ancora di più.

Due anni fa mi sono decisa a far costruire dal mio amico falegname una “casetta dei libri”. Volevo  realizzarne una dovrei avrei messo un po’ di libri a disposizione di chi avesse avuto il piacere di leggerli. Ho organizzato una piccola festa, chiamato un po’ di amici, che hanno portato altri amici, preparato qualcosa da mangiare e quello che ne è venuto fuori è andato oltre ogni migliore aspettativa.

Questa casetta, insomma, questa “Little Free Library”, è stata accolta con così tanto piacere da divenire, in due anni , un piccolo presidio di cultura di quartiere, fatta di persone, non necessariamente residenti alla via Aliperti, libri, tantissimi, scambio e condivisione di idee, ed iniziative legate alla lettura e molto altro.

L’idea, che non è mia, ma dei nostri “cugini” statunitensi, i primi inventori delle Little Free Libraries , è così piaciuta che, oggi, un territorio che non ne conosceva l’esistenza, ne può contare quattro!

Ora, questo cafe, a disposizione di chi abbia il piacere di condividere informazioni, lavori, idee, iniziative, recensioni di libri, film, notizie sull’editoria….tutto ciò sia cultura.

A volte, per realizzare qualcosa di bello, bisogna semplicemente  provare, e non avere paura di fallire. Questa è la lezione imparata da un adolescente, al quale ultimamente mi accompagno spesso . “Se credi di poter volare, ci riuscirai!”, diceva Peter Pan  ad una Wandy incredula circa la possibilità di riuscire a volare come lui.

Sir J. Barrie non me ne voglia se l’ho tirato in ballo così maldestramente, ma il suo capolavoro, che ho letto solo in età “matura” grazie ad uno sconosciuto amico che lo ha lasciato nella nostra piccola biblioteca di quartiere, è stato per me illuminante per molte ragioni , una per tutte: sotto un universo di stratificazioni accumulatesi in anni, vive, a profondità ancestrali, l’essenza di noi stessi ed lì che dobbiamo andare il più spesso possibile per stare bene con noi stessi e con gli altri.

Mi sono messa, allora, sulle tracce di Peter, partendo dai luoghi in cui era stato avvistato, in cui è cresciuto, ove si è smarrito: i meravigliosi giardini di Kensington!

Ho tolto le mie belle scarpette, che qualcuno ha detto essere uguali a quelle di Doroty (!!!), su quei prati verdi che solo in Inghilterra puoi trovare;  ho percorso sentieri tenendo in mano  il disegno di una vecchia mappa, mostrandolo nel mio inglese stentato, molto stentato, a pazienti passanti che mi indicavano di volta in volta la strada, ma non l’avrei trovato se accanto a me non avessi avuto un altro bambino a farmi da guida.

E’ stato lui che, alla fine, mi ha indicato Peter, perchè quando ti metti in  viaggio in territori che non conosci, o meglio in cui manchi da una vita, hai bisogno di una guida pratica del posto. Per fortuna, io l’avevo.

E allora?

E allora si vola. E non si scende più.

13315804_1781100695443188_1796399545142152917_n

 

12939584_1012051562202966_814195614_n

Annunci

Pubblicato da

Marianna De Stefano

Avvocato , mamma di due bambini, curiosa appassionata di libri. Lettrice formata Nati Per Leggere. Da due anni favorisce il libero scambio dei libri attraverso la Little Free Library sita in Saviano (Na), alla via Aliperti 70, uno spazio nel quale si organizzano anche eventi gratuiti ed attività di promozione della lettura per adulti e bambini. Ha scritto articoli per siti di interesse culturale, quotidiani on line e per riviste. Collabora con associazioni , gruppi spontanei, insegnanti di varie discipline, presenti sul territorio, per eventi culturali gratuiti . Redattrice de Il Club del Libro (http://www.ilclubdellibro.it/chi-siamo.html), collabora come guest writer con il sito di letteratura per l'infanzia www.milkbook.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...